Il fringuello e la cincia

La storia che voglio raccontarvi oggi è quella di una canzone di Jovanotti, Jova per il suo grande pubblico. E’ una canzone poco conosciuta. Un ‘atmosfera gitana. Chitarra e fiati sovrani. Ascoltatela:

Non so voi, ma io sono rimasta affascinata da questa tipa che abbandona la vita comoda per andare a vivere con il suo burbero amore in un caravan. Non uno qualsiasi, ma dentro un luna park a gestire un tagadà. Cos’è mai un tagadà? Si chiederà qualcuno.. Una giostra rotante con dei divanetti su cui sedersi che si inclina e si muove bruscamente a suon di musica! Lo so che caravan e camper non sono la stessa cosa, ma per una volta concedetemi una piccola divagazione.

Alcuni elementi in particolare mi hanno colpito: il bar come punto di svolta, il giubbotto orrendo nel suo nuovo amore, la sua posa da orso (avete in mente?), lo scegliere quello che è contro ogni suo percorso, evidentemente percorsi che non aveva scelto lei…

E non basta la commiserazione dell’ex marito, forse manager, ma che sotto sotto non la capisce e un po’ la invidia. Evidentemente non ci sono figli all’orizzonte, o forse sono grandi a sufficienza da essersi fatti una loro vita. Unica nota stonata: la parabola satellitare, ma subito Jova si affretta a precisare che non la usano quasi mai.

Il ritornello chiarisce come sempre il perché della scelta: “.. non esiste proprio niente al mondo paragonabile alla sensazione di essere importante per qualcuno, di avere quell’amore che uno si sente dentro…”

Adesso riascoltatela, please!

Aggiungi commento

Ricordati che sei responsabile personalmente di quello che scrivi, non saranno ammessi commenti oltraggiosi, denigratori e contrari al vivere civile.


Codice di sicurezza
Aggiorna